Grave carestia nel Corno d'Africa: a rischio Eritrea, Etiopia, Gibuti, Kenya e Somalia

Andare in basso

Grave carestia nel Corno d'Africa: a rischio Eritrea, Etiopia, Gibuti, Kenya e Somalia

Messaggio  Domsky il Dom Ott 12, 2008 9:33 am

In Etiopia questanno c'è stata carestia, la popolazione dal 1980 è decuplicata, e gli aiuti alimentari anche se sono triplicati forse quadruplicati dagli anni 80 quest'anno non basteranno neanche per cominciare.

Inoltre il prezzo dei cereali è raddoppiato perchè la domanda è superiore all'offerta perchè ci sono troppe persone sul pianeta e quindi si suppone che verso marzo cominceranno a morire decine di migliaia di persone al giorno in Etiopia per fame

Se fossero rimasti lo stesso numero di abitanti del 1980 non ci sarebbe stato nessun problema, un paio di navi di aiuti al prezzo solito e non sarebbe morto nessuno.

Io ritengo che in Etiopia debba diminuire la popolazione e che se non lo fanno loro riducendo le nascite poi ci pensa la natura.

Ritengo anche che sia meglio avere un figlio ben nutrito che 10 sottonutriti che poi da grandi diventano cerebrolesi per carenze alimentari.

E' ben lontano il mio punto di vista dal pensare che vadano eliminati gli etiopi, i somali e gli eritrei, visto che la situazione è uguale in tutto il corno d'Africa

Nasceranno anche conflitti tribali per accaparrarsi i camion carichi di aiuti

La situazione esploderà, si cercherà il nemico esterno e la situazione degenererà

Io sono promotore della prima campagna mondiale per eliminare la povertà e in Etiopia la situazione era ad un passo dall'essere risolta.

Invece la popolazione è decuplicata e adesso la sitiazione è precipitata e ci penserà madre natura a regolare la situazione.

Copio dal sito Unicef:

Si stima che più di 8 milioni di persone tra Eritrea, Etiopia, Gibuti, Kenya e Somalia, siano a rischio, e la vita di 1,6 milioni di bambini sotto i cinque anni è minacciata dalle conseguenze della grave siccità che ha colpito il Corno d'Africa, regione del continente particolarmente esposta a gravi siccità.

Le popolazioni sedentarie hanno perso gran parte dei raccolti e le comunità pastorali nomadi hanno perso più della metà dei capi di bestiame.

L'UNICEF è al lavoro per lottare contro la grave malnutrizione che sta colpendo la popolazione ed ha attivto i suoi programmi di emergenza.


Parliamone, ognuno dica la sua:

Domsky
Admin

Messaggi : 159
Data d'iscrizione : 30.09.08

Visualizza il profilo dell'utente http://sovrappopolazione.forumotion.net

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum